La risposta è sì, è assolutamente sicuro viaggiare in Egitto. Naturalmente, dovrete prendere le logiche precauzioni previste per qualsiasi viaggio di vacanza, le stesse che prendete quando visitate altre parti del mondo e persino il vostro paese.

È sicuro viaggiare in Egitto?

La prima cosa da sapere è che in Egitto c’è un alto livello di sicurezza e non avrete particolari rischi o preoccupazioni durante il vostro viaggio. In effetti, i tassi di criminalità violenta e non violenta in Egitto sono minimi rispetto a quelli della maggior parte dei Paesi occidentali.

Anche i reati che un turista può subire non sono diversi da quelli di altre destinazioni turistiche: borseggi o scippi per strada o prezzi gonfiati in una bancarella, ma poiché le pene sono molto severe, non c’è quasi nessun conflitto. Pertanto, potete camminare per le strade dell’Egitto giorno e notte senza alcun timore. E sempre prendendo le solite precauzioni.

L’Egitto è sicuro per le donne che viaggiano?

Un discorso a parte merita la questione della sicurezza delle donne in Egitto, soprattutto per quelle che viaggiano da sole. Sebbene sia un Paese sicuro, è anche vero che non è molto facile farlo in questo Paese, il che non significa che ci siano rischi significativi.

Approfondiamo: le donne che viaggiano da sole sono generalmente scoraggiate dal percorrere i sentieri più battuti e sono invitate a essere molto caute nei contatti con gli sconosciuti. Perché? Soprattutto perché una donna che viaggia da sola in una cultura come quella egiziana è un fatto strano, attira molta attenzione ed è oggetto di sguardi e curiosità da parte di uomini e donne del posto. Per questo motivo, le donne che viaggiano da sole in Egitto possono trovarsi in situazioni di disagio.

Come vestirsi in Egitto?

Le regole musulmane che governano l’Egitto impongono determinati codici di abbigliamento per le donne locali, ma non sono obbligatori per le donne straniere e le turiste.

Ma una donna che si veste in modo appariscente o che mostra alcune parti del suo corpo può attirare molta attenzione e aumentare la tensione in certe situazioni che, ripetiamo, sono ben lontane dall’essere pericolose o violente, ma possono essere scomode. Vi consigliamo quindi di vestirvi in modo discreto durante il vostro soggiorno in Egitto , sia che viaggiate da soli o accompagnati da uomini o altre donne. Indossate abiti che coprano gambe e spalle, soprattutto quando visitate i templi antichi o i mercati. E non è nemmeno necessario coprirsi i capelli, come si crede comunemente, si può andare in giro con i capelli sciolti e probabilmente vi verrà chiesto di coprirli solo all’ingresso di alcune moschee.

Mostrare amore e sicurezza alla comunità LGBTIQ+

Mentre si passeggia per le strade di Luxor, Il Cairo, Alessandria e altre città, è si raccomanda di limitare le manifestazioni d’affetto nei confronti del partner.È disapprovato e può essere scomodo, soprattutto per le coppie dello stesso sesso, perché anche se non è illegale essere gay in Egitto, le dimostrazioni pubbliche di affetto tra coppie dello stesso sesso fanno.

Gli hotel in Egitto sono sicuri?

Per quanto riguarda la sicurezza negli hotel, in genere sono luoghi molto sicuri dove lasciare le proprie cose e i propri bagagli, anche se è sempre consigliabile chiudere a chiave le porte della propria camera, tenere tutto ben riposto e in ordine e chiedere la cassetta di sicurezza, se l’hotel ne ha una, per conservare denaro, carte e documenti di valore.

Più stelle ci sono, più l’hotel è sicuro, con personale a disposizione 24 ore su 24 e cassette di sicurezza individuali in ogni camera, in modo che gli ospiti abbiano la propria password e possano utilizzarla a piacimento.

Quadro giuridico

È importante comprendere le basi del quadro giuridico in Egitto per evitare di infrangere qualsiasi aspetto della legge durante il viaggio. La prima cosa da sapere è che ogni turista che entra nel Paese deve rispettare la legge egiziana ed è esente da trattamenti diversi, anche se in caso di arresto, il turista ha il diritto di telefonare all’ambasciata del proprio Paese.

Anche se è abbastanza raro, può capitare che un agente di polizia vi chieda una tangente. Non accettate mai, in nessun caso, perché spesso può essere una trappola e se dite di sì potete avere un problema molto più grande.

L’uso di droghe di qualsiasi tipo è punito con misure molto dure che includono non solo molti anni di prigione ma anche l’impiccagione. E non ci sono remore nei confronti dei turisti, quindi se venite avvicinati per comprare o consumare hashish, dovete comportarvi come fareste con gli inviti alle tangenti: no, no e no, sempre.

Per motivi di sicurezza, molti edifici governativi sono vietati alla fotografia, ma spesso non ci sono cartelli che lo indichino. Si consiglia di chiedere sempre prima di scattare una fotografia quando si visitano monumenti ufficiali o luoghi pubblici, se non si vuole incorrere in un momento di disagio. Quasi ovunque in Egitto ci sono poliziotti che vi diranno cosa fare e cosa non fare in questi casi. Lo stesso vale se dovete fotografare delle persone: dovete sempre chiedere il permesso se non volete vivere una situazione violenta o scomoda con qualcuno che non gradisce il fatto che lo abbiate fotografato senza consultarlo prima.

Posso ordinare alcolici nei ristoranti e nei bar?

L’alcol è vietato dalle regole musulmane, quindi evitate di bere per strada e nei luoghi pubblici e limitatevi ai bar degli hotel turistici o ai ristoranti autorizzati alla vendita e al consumo di alcolici.

Prima del viaggio

Prima di prendere l’aereo, vi consigliamo sempre di controllare tutte le informazioni aggiornate sulla sicurezza in Egitto sul sito del Ministero degli Affari Esteri, dell’Unione Europea e della Cooperazione. E portate sempre con voi i vostri documenti ovunque andiate: passaporto, carta d’identità e assicurazione sanitaria.

Altri articoli che potrebbero interessarvi...

Viaggiare con i bambini

È molto raro che i Paesi più turistici del mondo non siano disposti ad accogliere i bambini che viaggiano con

Commercio

Se siete interessati a cosa comprare in Egitto, la prima cosa da sapere è che nel Paese ci sono negozi